mercoledì 17 luglio 2013

Cucina Toscana: Bicchieri alla Pratese


Ecco un'altra ricetta dell'ormai famoso Giovanni Righi Parenti: i bicchieri alla pratese, mi piace il suo modo di raccontare le ricette di una Toscana che non c'è più, ricette dei contadini, ricette semplici, fatte con poche cose, ricette che pochi conoscono,sì forse si trovano ancora in qualche ristorante chic, dalle parti di Montalcino, di San Gimignano, quei posti frequentati da turisti in cerca dei famosi piatti toscani. Ed io ho deciso di deliziarvi con tante belle ricette della mia Toscana, tratte quasi tutte dai libri di Righi Parenti.
La ricetta che sto per presentarvi veniva usata per chiudere i pranzi più importanti: i bicchieri alla pratese. Dice il Parenti che i bicchieri dovevano essere i classici bicchieri da osteria, tozzi, quelli di vetro grosso, quelli dove servivano il vino nelle osterie, anche un po' verdognoli, comunque l'importante che siano bicchieri capienti, dove si possano accomodare savoiardi e crema inglese. Andiamo alla ricetta dei bicchieri alla pratese.




Per i bicchieri alla pratese si  prepara una crema inglese, quella senza farina per capirci, con latte, tuorli e zucchero, si mette sul fuoco  molto basso, la cosa migliore sarebbe farla in una bastardella per evitare che la crema arrivi al punto di ebollizione e impazzisca.

Ingredienti:

1litro di latte
8 tuorli
250 grammi di zucchero
savoiardi
alchermes
canditi, cedro e scorza d'arancio
mandorle o pinoli
panna


Lavorate i tuorli con lo zucchero molto bene, fino a che questo non sia sciolto, aggiungete poi lentamente il latte, e mettete sul fuoco, basso al massimo, la crema non deve bollire, girate di continuo fino a che non velerà il cucchiaio e la sentirete meno liquida.
Spezzate i savoiardi e metteteli nei bicchieri, e irrorateli di alchermes, i savoiardi sono fatti apposta per assorbire liquidi, hanno sempre sete, tagliate  i canditi a piccoli pezzi i canditi e distribuiteli sui biscotti, poi coprite tutto con crema inglese, tanta, superate i biscotti di qualche centimetro, e sopra mandorle tritate e tostate, io non le avevo e ho messo i pinoli. Mettete in frigorifero i vostri bicchieri. Prima di servire montate la panna e aggiungetene qualche cucchiaio che andrete a guarnire con codette di cioccolato amaro. Io ho evitato la panna, mi sembravano abbastanza calorici.
I bicchieri alla pratese vanno fatti solo con crema inglese, non con crema pasticcera





14 commenti:

  1. mmmmmhhh !!! dev'essere ottima!!!! grazie per la ricetta ... da provare!!!!
    Ciao
    Giovanna

    RispondiElimina
  2. senti non sapevo che si chiamassero così e ahimè non conoscevo Pratesi, ma conosco il sapore di questi splendidi bicchieri!
    devo rimediare, subito, se no che toscana sono?
    a parte gli scherzi, è talmente poco che m'è scoppiata questa passione che... ho talmente tante cose da imparare,
    quindi ti ringrazio per averla condivisa
    e vado subito a cercare qualcuna delle sue ricette!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simo rimedia subito e poi mi saprai dire, sono stupendi, ma che la crema sia inglese non pasticcera, sentirai la bontà, seguimi metterò una serie di ricette toscane, un caro saluto

      Elimina
  3. che meraviglia questi bicchierini, molto freschi, li proverò!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Raffy...sono buonissimi provali...baci

      Elimina
  4. Uuuuuhhhhhh cosa vado a scoprire e quanti ricordi.... Questo era il dolce che mia nonna ci preparava quando eravamo bambini, solo che sostituiva la panna con la ricotta zuccherata. Non sapevo fossero "codificati" e forse non lo sapeva neanche lei: semplicemente ripeteva una ricetta vista fare in casa dalla sua mamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Giulietta, anche la mia nonna li faceva, poi ognuna aggiungeva un tocco personale e sono arrivate fino a noi che continuiamo a farle conoscere, sono buonissimi, un caro saluto

      Elimina
  5. Buonissimi e invitanti!
    Alla prossima

    RispondiElimina
  6. Mi piacciono queste tue vecchie ricette toscane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Francesca, queste le conosco bene, mi aiuto con Righi Parenti, ma mia nonna le faceva tutte, almeno divulgo un po' la cultura culinaria toscana...baci

      Elimina
  7. Bellissimi,e similissimi ai trifle inglesi.
    Lo so che non centra niente,ma le pagine che il Righi Parenti ha dedicato al panforte sono poesia!
    Un salutone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Edith il Righi Parenti è un dio sulla cucina toscana, è un vero poeta, lui e Pellegrino, li adoro entrambi...un abbraccio

      Elimina
  8. Ciao Tamara, quando ospiterai l'abbecedario, io sarò in vacanza, ma ho le ricette finlandesi pronte e programmerò i post. Se mi scrivi (carlaemilia@arbanelladibasilico.it) ti mando per mail i link, così potrai aggiornare il tuo elenco anche con le mie ricette. Mi farebbe tanto piacere. Parto il 31 luglio, spero di sentirti presto, un abbraccio, a presto

    RispondiElimina
  9. Deliziosi questi bicchieri, segno subito la ricetta. buona giornata Daniela.

    RispondiElimina

Lascia pure una tua impressione, un commento, dai un giudizio sulla ricetta appena vista, mi farai piacere. I commenti anonimi o offensivi verranno cestinati