domenica 14 agosto 2011

Savarin alle more con panna


E' uno dei dolci che preferisco, mi piace la pasta del babà con e senza il rum, e faccio volentieri il savarin, piace a tutti in casa, è, insieme al tiramisù, il dolce che mette d'accordo tutti.
Questa è una dose per 8 persone, la trovai tanti anni fa in un inserto di "La cucina italiana", ma talmente vecchio che non si vede neppure la data.

Ingredienti:


250 grammi di farina 00
180 grammi di zucchero semolato
 15 grammi di lievito di birra
   5 grammi di sale
   2 uova
130 grammi di burro
 50 grammi di latte
100 grammi di rum bianco
burro e farina per imburrare lo stampo
250 ml di panna da montare (crema di latte fresca)
stampo grande a cono della linea Gardenia di Guardini

Nella planetaria mettete 250 grammi di farina setacciata, il sale e il lievito sciolto precedentemente nel latte tiepido, Cominciate ad impastare e poi aggiungete le uova e 30 grammi di zucchero. Continuate ad impastare, fino ad avere un impasto liscio, se dovesse mancare un po' di liquido, se l'impasto fosse troppo  duro aggiungete del latte tiepido a piccole cucchiaiate (la dose del latte data dalla ricetta era 120 grammi, ma era troppo, è venuto un impasto liquido, io ho dovuto aggiungere tantissima farina, allora vi sto dando una dose minore di latte).
Finito di impastare fate una palla e pennellatela con il burro fuso e tiepido, coprite per un'ora per farlo lievitare.
Dopo la lievitazione, lavoratelo ancora, con la foglia, aggiungete tutto il burro e lavorate ancora con energia, così il burro verrà incorporato tutto all'impasto, e avrete un composto morbido e liscio.
Mettete il composto in uno stampo da savarin, con un grande buco in mezzo, oppure come il mio alto, con il buco più piccolo, coprite e fare lievitare ancora un'ora. Quando sarà arrivato al bordo infornatelo a 190° per 30 minuti. La cottura era perfetta.
Preparate lo sciroppo con lo zucchero avanzato, 150 grammi, aggiungete 150 grammi di acqua, fate sobbollire 5 minuti e unite metà rum. Inzuppate il dolce, che nel frattempo avrete messo in un piatto di portata, deve essere caldo quando lo inzuppate, perché penetra meglio, e alla fine mettete l'altro rum.
Montate la panna, mettetela in un sac a poche e guarnite il dolce come preferite, ma riempite il buco di panna e poi, io ho messo le more, voi scegliete il frutto che volete. si può riempire il buco di frutta di vario tipo, tagliata a pezzetti.






14 commenti:

  1. Abbiamo pasticciato alla stessa maniera!:))
    Io stamani ho fatto i babà che posterò domani se avrò il tempo! ;-)
    Stupendissimo il tuo savarin con le more! :)
    Un abbraccio e buon ferragosto! :))

    RispondiElimina
  2. Tam che meraviglia! Bellissimo e altissimo, chissa' che buono! Complimenti davvero :-). Ciao e buon ferragosto.

    Alessandra

    RispondiElimina
  3. ciao siamo rimaste in poche! mi sono unita anche a questo tuo blog perche' mi piace un sacco! poi sei talmente gentile che mi sono affezzionata a te, purtroppo sono sensibile pure io! buona domenica e buon ferragosto e che dolce pero' troppo goloso!

    RispondiElimina
  4. Non ne ho mai fatto uno, ma ne ho mangiati tanti.
    Il tuo e' proprio bello, mi sembra la ricetta giusta per provarci.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. Anche a me piace tantissimo! Bagnato al rum o al maraschino quando l'accompagno con la frutta.
    Il tuo è perfetto, mi hai fatto venire voglia!
    Buona domenica e buon Ferragosto se non ci "vediamo"!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo, non l'ho mai fatto, mi piacerebbe provarlo, ma non credo di avere lo stampo adatto (se non uno stampo in silicone per budini). Buon ferragosto, baci

    RispondiElimina
  7. Buon ferragosto anche a te cara amica.Il tuo savarin è meraviglioso.

    RispondiElimina
  8. E' veramente fantastico, tesoro!!! Complimenti, un bacio e buon ferragosto

    RispondiElimina
  9. Buon ferragosto! Accetto una fetta del tuo savarin. Laura

    RispondiElimina
  10. Questa ricetta viene proprio a fagiolo...ho fatto troppa panna montata e non avevo idea sul come farla fuori in modo furbo...
    E tu??
    Geniale e laboriosa come sempre!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. non ho mai fatto i savarin, non so perché, ma questo tuo mi invoglia a farli. Buona serata cara Tamara

    RispondiElimina
  12. Che buono! Mai fatto!

    Passa a trovarmi, c'è un premio per te!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  13. Dopo la pavlova adesso mi tenti con il savarin? Ma dillo che mi vuoi tutta ciccia e brufoli! Scherzo! La pavlova è riuscitissima, ora mi cimenterò con questo nuovo dolce che non ho mai mangiato ma del quale ho sentito tanto parlare. Grazie della tua disponibilità.

    RispondiElimina

Lascia pure una tua impressione, un commento, dai un giudizio sulla ricetta appena vista, mi farai piacere. I commenti anonimi o offensivi verranno cestinati